vai all'indice

Non vediamo l'ora di rivedervi!

Il Museo di Sisi, gli Appartamenti imperiali & il Museo delle argenterie riaprono al pubblico a partire dal 15 maggio, tutti i giorni dalle ore 10 alle 17. Maggiori dettagli. 


La Sala da toeletta e palestra di Elisabetta


La sala da toeletta e da ginnastica (c) Schloß Schönbrunn Kultur- und Betriebsges.m.b.H, Foto: Tina Dietz

La Sala da toeletta e palestra di Elisabetta

La Sala da toeletta e palestra era la stanza in cui Elisabetta trascorreva la maggior parte del tempo, quando si trovava al palazzo. Qui aveva inizio la giornata dell’imperatrice, in inverno alle 6 del mattino, con il rituale quotidiano della pettinatura.


La chioma di Elisabetta era leggendaria e Fanny Feifalik, la sua parrucchiera, realizzava ogni giorno con grande abilità elaborate acconciature intrecciate. “Dietro la sedia dell’imperatrice c’era la parrucchiera in abito nero e lungo strascico, un grembiule bianco corto a rete, anch’ella di aspetto notevole come persona di servizio.“  (Konstantin Christomanos)

La cura di quella massa di capelli richiedeva molto tempo, ed Elisabetta approfittava di quelle ore per conversare con il suo lettore greco Konstantin Christomanos e per studiare le lingue straniere. Nel corso della sua vita ne apprese sette. Mentre Christomanos ammirava la bellezza dell’imperatrice, dal canto suo ella avvertiva il tempo dedicato alla pettinatura soprattutto come un fastidio.

In questo suo boudoir privato Elisabetta si circondava dei ritratti delle persone care. Vi si ritrovano tanti membri della famiglia bavarese e asburgica, di solito i più eccentrici, come l’arciduca asburgico Ludovico Salvatore, che conduceva una vita indipendente a Maiorca ed al quale Elisabetta si sentiva legata da una forte affinità elettiva. Alla parete sono appesi come in una galleria i ritratti delle belle ed eccentriche sorelle di Elisabetta, fra quelli dei genitori e dei fratelli. 

Si notano due ritratti del poeta prediletto dell’imperatrice, Heinrich Heine, alle cui opere letterarie Elisabetta si ispirava per comporre i suoi poemi.

Sul lavabo sono appesi tre acquerelli in cornice ampia di velluto scuro di proprietà di Elisabetta, con vedute di Villa Braila a Corfù. L’imperatrice vi abitò durante il suo primo soggiorno a Corfù poco dopo il 1860, e nel 1889/90 fece ristrutturare la villa, per lei acquistata da Francesco Giuseppe, trasformandola nell’Achilleion. I ritratti di Francesco Giuseppe, le foto della figlia preferita Maria Valeria e dipinti che raffigurano i suoi cani prediletti completano l’arredo della Sala da toeletta e palestra.

Elisabetta praticava in questa stanza i suoi esercizi quotidiani di ginnastica, quasi “en passant“, come lei stessa amava dire. Si sono conservati la spalliera svedese, la sbarra e gli anelli nella cornice della porta che collega con il Grande Salotto. Per l’allenamento più intenso l’imperatrice aveva a disposizione una palestra più grande, dove poteva allenarsi sugli attrezzi pesanti. La sala sorgeva un tempo presso l'arco nella via Schauflergasse, che collegava l'Amalienburg con l'Ospedale imperiale, che oggi non esiste più.


vai al menù principale di navigazione

Questo sito web utilizza cookies.

Utilizziamo i cookie tecnicamente indispensabili e i cookie di analisi. I cookie di analisi vengono utilizzati soltanto dopo il consenso dell’utente ed esclusivamente a scopi statistici. Per approfondimenti sui singoli cookie, cliccare “impostazioni dei cookie”. Altre informazioni si trovano nella nostra dichiarazione per la tutela dei dati.