vai all'indice


L’Appartamento di Alessandro e il Salone rosso


L’Appartamento di Alessandro e il Salone rosso (c) SKB, Foto: Alexander Eugen Koller

L’Appartamento di Alessandro e il Salone rosso

Nell'Appartamento di Alessandro l'imperatrice Elisabetta era solita tenere cene e ricevimenti.


L’Appartamento di Alessandro e il Salone rosso  

L'appartamento iniziava presso lo scalone di Alessandro ed era formato da ingresso, sala da pranzo, salone, stanza Boucher e piccola anticamera. Prende il nome da un ciclo di arazzi che illustravano la vita e le gesta eroiche di Alessandro Magno, che riempiva tutti i vani della parete fra la boiserie bianco-dorata. Le stanze riccamente addobbate dell'appartamento furono arredate nel 1764 da Nikolaus Pacassi per Giuseppe, per il quale in quello stesso anno, in occasione della sua elezione a re del Sacro Romano Impero, doveva esser messo a disposizione un proprio appartamento, adeguatamente rappresentativo. Dal 1916 al 1918 l’ultimo imperatore d’Austria Carlo I ebbe qui i suoi uffici, che usava raramente poiché si trovava di solito nel quartier generale a Baden o sul fronte di guerra.

Il Salone rosso

Il decoro di questa stanza, con arazzi della Manifattura parigina del Settecento, è la quintessenza dello sfarzo principesco. Gli arazzi furono donati dal re di Francia Luigi XVI al cognato imperatore Giuseppe II, quando questi soggiornò nel 1777 a Versailles. 

La sorella di Giuseppe, Maria Antonietta, aveva sposato nel 1770 a soli quattordici anni l’erede al trono di Francia. Per sette anni la coppia non ebbe figli. Durante quella visita Giuseppe ebbe un colloquio a quattr’occhi con il cognato, di cui non fu mai reso noto il contenuto. In ogni caso poco dopo si ebbe la nascita di un erede, e in segno di gratitudine la coppia colmò Giuseppe di doni preziosi, fra cui questi arazzi. I medaglioni degli arazzi, di grande effetto decorativo, si ispirano a dipinti di François Boucher. Anche la tappezzeria delle poltrone, dei canapé, del parafuoco e del paravento fu eseguita nella “Manufacture des Gobelins“ tra il 1772 ed il 1776. A differenza dalle altre reggie europee, qui per la rappresentanza imperiale si attinse nuovamente alla tradizione degli arazzi, che nel resto dell'Europa era già ritenuta superata.


vai al menù principale di navigazione

Questo sito fa uso di cookie tecnici. Continuando ad utilizzare il sito, accetti la nostra policy di uso dei cookie.

scopri